Progetto n.685 - Sistemazione idraulica per la Riduzione del Rischio nel Bacino del Torrente Chiona 1 Stralcio.


Il presente progetto esecutivo prevede interventi diffusi di ricalibratura e consolidamento
arginale del tratto del Chiona compreso tra le sezioni 334 e 197.
I tratti del Chiona che sono risultati insufficienti dal punto di vista dello smaltimento delle
massime portate attese con tempo di ritorno 200 anni sono stati oggetto di riprofilatura e
risagomatura della sezione di deflusso ed adeguati, in modo tale da garantire un franco di
sicurezza di almeno 0.5 m sulla quota del pelo libero duecentennale, garantendo il contenimento
all'interno dell'alveo della quota della linea dell'energia. Per alcune sezioni è stata necessaria la
realizzazione di argini ex-novo, con franco adeguato.
Per i tratti di arginatura esistente che non garantiscono franchi di sicurezza adeguati
(inferiore a 0.5 m su eventi con Tr=200 anni), si è proceduto a sistemazioni localizzate, con il
ricarico delle arginature presenti fino ad ottenere un franco sulla portata massima con tempo di
ritorno 200 anni di 0.5 m.
Nel tratto di intervento di I stralcio la larghezza in sommità delle arginature sarà portata ad
1 m, ad eccezione del tratto del Chiona in destra idrografica compreso tra la confluenza con il
Topino e la confluenza con il Chionarella, in cui è prevista una larghezza in sommità di 3 m, per
consentire la futura realizzazione di una pista ciclabile.
Nella realizzazione degli interventi di risagomatura si provvederà a mantenere un'adeguata
larghezza della golena interna per consentire l'effettuazione degli interventi di manutenzione.
Per facilitare il deflusso e consentire franco adeguato in corrispondenza dei ponti della
strada Budino-Cannara (Via di Corbara), di Via Cascina Piermarini e di Via di Pastine si è
provveduto ad inserire brevi tratti di raccordo in scogliera. Le scogliere saranno intasate sul lato
interno con calcestruzzo, mentre sul paramento esterno si provvederà ad un intasamento con
terreno vegetale.